Presentazione ufficiale dei PIV – Principi Italiani di Valutazione

Presentazione ufficiale dei PIV – Principi Italiani di Valutazione

La Fondazione OIV, tramite il presidente del Comitato di Gestione Prof. Mauro Bini, ha presentato ufficialmente martedì 29 settembre presso l’Università Bocconi i Principi Italiani di Valutazione – PIV.
I PIV, che si ispirano ai principi di chiarezza, neutralità, prudenza e trasparenza, rappresentano non solo valuation standard (come gli International Valuation Standard – IVS, da cui si ispirano), ma anche performance standard. Definiscono cioè il processo che l’esperto valutatore deve seguire, ciò che non deve trascurare, imponendo al contempo trasparenza informativa.
 
Finalità dichiarata dei PIV è quella di innalzare lo standard qualitativo delle valutazioni, dando perciò maggior garanzia di affidabilità all’utilizzatore finale, nonché di rendere più intellegibili le stime effettuate dai practitioners attraverso la definizione di un metodo. È questo elemento che assieme alla competenza, alla professionalità e all’intuito dell’esperto consente di predisporre una valutazione qualitativamente apprezzabile.
 
In questo contesto i PIV definiscono cinque tipologie in incarico:
  • Valutazione
  • Parere valutativo
  • Parere di congruità (o fairness opinion)
  • Calcolo valutativo
  • Revisione del lavoro di altro esperto
chiarendo che le valutazioni legali (così denominate in riferimento alle stime richieste dal codice civile in tema di conferimenti, fusioni/scissioni, trasformazioni, aumenti di capitale con esclusione/limitazione del diritto di voto, recesso del socio) debbano essere “Valutazioni”, presupponendo quindi completezza di informazione e lo svolgimento dell’intero processo valutativo delineato dagli stessi PIV.